lunedì 5 novembre 2012

Una sorpresa anche per me


Questa è una foto fatta durante le prove. 
Ed è l'unica in cui sono ritratto mentre sto sorridendo. 
Una vera sorpresa!
Qui invece si fa sul serio!

8 commenti:

Ines ha detto...

Ciao Ben.
Grande successo e grandi emozioni, dunque.
Congratulazioni e ad maiora semper.
Ines

Ben ha detto...

Ciao Ines,
io preferisco soffermarmi sulle grandi emozioni. Da brividi.
Un grande lavoro di squadra e per la squadra, un gruppo molto numeroso.
Un numero su tutti:
40 persone sono scese sul palcoscenico.
E molte altre hanno lavorato affinché le 40 di cui sopra potessero scendere sul palcoscenico.
Ecco, forse questo è stato il più grande successo: tenere insieme un così folto gruppo. E questo va al di là dell'esito dello spettacolo.
Infatti, uno dei principali motivi per cui è stato scelto di fare un lavoro che coinvolgesse così tante persone, era proprio quello di ricreare unità, fare gruppo, dopo un periodo difficile, durante il quale era stato più facile perdersi di vista e camminare per proprio conto.
E poi, quasi nessuna comparsa, ma tutti protagonisti, nella recita, è vero, ma anche all'interno della comunità. E questo messaggio, a qualcuno, è arrivato.
Non è stato facile, i momenti di sconforto non sono mancati, ma per certe cose sono testardo!

Grazie Ines.
A presto.

Anonimo ha detto...


Ciao, bellissima serata.

Grande scelta quella di coinvolgere così tante persone e aggregare così tanti di voi
che sicuramente, chi più chi meno, condividete anche altre attività nell' ambito della Parrocchia
e/o nel volontariato.

Questo magari può aver un pò penalizzato il livello di recitazione
(NON dico che non siete stati all'altezza sotto quel punto di vista); ma a mio avviso
era chiaro che nel recital si puntava diretto ai contenuti.

Di messaggi e spunti per riflettere ne sono arrivati molti e la modalità con la quale
l'avete rappresentata in così tante sfaccettature e spaccati di situazioni reali mi è proprio
piaciuta.

Cosa dire poi di quanto sei intonato e dei testi che hanno impreziosito i contenuti.

Forse chi si aspettava una rappresentazione un pò più "leggera" stile "favoletta" sarà rimasto
deluso, ma io non sono tra quelli.

Grazie e in bocca al lupo per le prossime.

Josil

Ben ha detto...

Ciao Josil,
se ti dicessi quanti ostacoli abbiamo dovuto superare...
Pensa alla prima riunione eravamo in otto, non avevamo ancora presentato la nostra idea che già alcuni boicottavano sparlando e dicendo che era una palla che parlava di morti. E ancora durante le prove c'è chi ha tentato di mettere il bastone fra le ruote. Alcuni erano ad assistere, forse con il solo desiderio di poter dire alla fine: "Che vi avevo detto?".
Parole rimaste in gola, sicuramente. E per noi un pizzico di soddisfazione in più.
Il gruppo era composto da gente comune, come hai visto: studenti, impiegati, operai, disoccupati, ecc. ma nessun attore. E i progressi sono stati notevoli dalla iniziale "lettura dell'elenco telefonico" alla rappresentazione.
Persone da convincere, perché non abituati a parlare in pubblico.
Ma lo scopo, come hai detto tu, non era quello di diventare attori, di essere perfetti: era impensabile e ne eravamo consapevoli.
I ragazzi, per me, hanno dato tanto, forse di più di quello che ci si poteva aspettare.
In tanti, più che una favoletta, si aspettavano qualcosa di... lo posso dire? Lo dico: palloso, e nessuno si aspettava una recita con un ballo e tante canzoni. E credo, in questo senso, di aver contribuito a portare una ventata di novità, soprattutto se consideriamo che dovevamo riprendere un'eredità pesante, lasciata da un parroco che è rimasto nei nostri cuori, ma che ora è altrove, e che era il fulcro di questo tipo di rappresentazioni.
Quando lui convocava le riunioni, arrivavano cento persone, non otto!
Quindi puoi capire quanto lavoro ci sia stato dietro a tutto questo, in certi momenti logorante (sempre nei limiti di ciò di cui stiamo parlando, intendiamoci).
Difetti: sì
Imperfezioni: sì,
Cose da migliorare: sì
Un problema: da sempre l'audio, dovuto alla conformazione della chiesa.
Siamo consapevoli di tutto, ne abbiamo parlato a mente fredda, ma spero che nella replica, prevista per gennaio, qualcosa possa cambiare, come cambierà lo spettacolo, che dovrà essere adattato al nuovo palco, uno spazio molto più piccolo di quello che avevamo a disposizione sabato scorso.
Le canzoni? Alcune erano già scritte, altre costruite sui personaggi (una sembrava fatta apposta per i boicottatori, "No, non ti curare, di quello che dice talvolta la gente, padroni dell'ipocrisia, la sincerità non sanno che sia)
Mi ha fatto molto piacere vederti fra il pubblico, ma tu mi fai sempre sentire il tuo sostegno, e mi fa piacere che tu sia rimasto contento.
Ciao Josil, saluta anche le tue donne.

Anonimo ha detto...

Altro che se hai portato una ventata di novità,
hai osato e la scommessa l'hai vinta e superata brillantemente.

Spero che questo bell'inizio possa accrescere a tutti i tuoi collaboratori
la voglia di continuare e che anche coloro pronti a dire "Che vi avevo detto...."
possano farsi avanti e contribuire a vostro bel gruppone.

Josil

Ben ha detto...

Beh, Josil, non ho fatto tutto da solo. Avevo con me un giovane (quello che ha parlato all'inizio e alla fine) un cavallo da domare, ma molto sensibile e molto creativo. Mi ha fatto anche arrabbiare, ma abbiamo avuto un rapporto franco e sincero, che ha dato molti frutti. E, come ho gli ho detto, se avessi un figlio maschio mi piacerebbe che fosse come lui.
Poi, insieme, abbiamo cercato di valorizzare le qualità di altre persone, imparando da loro quando era il caso.
Quindi si è creato anche un clima collaborativo, senza invidie o gelosie.
La voglia di continuare c'è. Con la ragazza che interpretava la moglie, abbiamo già approfondito una certa idea. Vedremo se poi si tramuterà in qualcosa di concreto.
A presto.

dania ha detto...

Ciao, Roberto! Dato l'orario, sono entrata cercando di non far rumore, ma ora, dopo aver letto dei risultati, non me ne vorrai se esprimerò la condivisione alla tua gioia con un : "BENE, BRAVO,BIS" a tutta voce.
Sono davvero contenta. Grazie. A presto! dania

Ben ha detto...

Grazie Dania!
Il bis ci sarà, a gennaio, ma è mia intenzione cambiare qualcosa. Piccoli cambiamenti, alcuni tagli, insomma una replica che non sia una fotocopia della prima.
Ciao Dania, passa quando vuoi, il Rifugio è aperto a tutte le ore!